Dalla parte dei bambini

https://www.gemelliadhd.it/wp-content/uploads/2020/12/cambiamenti_nov_2020_10.jpg
Studio di Riabilitazione Neuro-psicomotoria

È il tempo di riflettere. Bambini che già venivano a malapena a scuola, o quelli che non portavano i compiti per casa “maestra nessuno mi aiutava”. Chi come K. arrivava correndo per le scale, iperattivo, io penso fosse un DOP, e si fiondava in classe disturbando.

Stiamo vivendo senza lavoro o in smartworking alle prese con i figli, chi in DAD, chi in presenza, chi con turni alterni, con difficoltà organizzative.

I bambini, si sa, sono resilienti quindi loro ce la faranno comunque, “che devono capire”, hanno i loro giochi, il PC, il cellulare, cercando di spiegargli che “è un periodo”.

Prevenendo un lockdown a zone, non si è mai volto lo sguardo, neanche mesi fa, a chi il lockdown lo vive quotidianamente nella sua “casa dolce casa” o per meglio dire nel suo “caos dolce caos” (Cancrini), con una condizione socio-economica allo stremo e l’inaccessibilità dello sguardo dell’Altro e delle relazioni interpersonali (Benjamin, 2004) disorganizzate e confuse.

A scuola, apriti cielo quando era l’ora di storia e geografia! “Meglio lasciar perdere” disse un’insegnante, ed io, con un ruolo secondario in quella classe, avevo ben poco da poter offrirgli se non cominciare a far sentire K. importante, chiedendogli di aiutarmi con V. “non riesco a fare tutto, ho bisogno di te!”.

Il piccolo K. di soli 7 anni, occhi a mandorla nero corvo e un viso così adorabile, cominciò a contenere i suoi picchi di rabbia e a prendersi cura del suo compagnetto.

Ricordo in particolare un bambino, E. di 7 anni, costantemente accusato dalle insegnanti per provocare liti in classe. Un giorno venne da me, guardandomi con occhi sgranati e sinceri “maestra te lo giuro, non sono stato io!“ Diventerà uno spacciatore”, ”È già un bulletto a questa età, chissà cosa farà da grande” mi disse un’altra.

Rispondevo, di provare a pensare come potesse vivere quel bambino a casa sua e cosa voleva comunicare in classe con quell’atteggiamento. È un bambino non visto. E. come K. vive in un quartiere in cui già da piccoli devi farti rispettare, si conoscono tutti, “a cu appartieni” è la parola d’ordine e sei rispettato. “A cu appartieni” è la logica dell’identità dell’uomo e della sua cultura di appartenenza. E. è uno di quei bambini che non ha un dispositivo idoneo per studiare.

Imparano a vivere, a sopravvivere, imparano a loro spese, con la loro resilienza. L’infanzia di E. e di tutti gli altri è un’infanzia infelice, ancora sconosciuta.

Si meritano di avere qualcuno che gli dica “io credo in te”. Infondere speranza in qualcuno è dare parola al loro dolore.
E. mi abbracciò e mi strinse forte quando si sentì dire “io ti credo” accusato dall’insegnante e dal compagno.
Io ci credo in loro portando con me una missione personale e professionale: “È più facile costruire bambini forti che riparare uomini rotti” (Frederick Douglas)

Autore: Sharon Lauricella

Rivista Cambiamenti
Studio di Riabilitazione Neuro-psicomotoria
Gemelli ADHDDove siamo
Il progetto è nato in provincia di Torino e collaboriamo con professionisti provenienti da tutto il territorio nazionale.
Territorio nazionaleProfessionisti italiani
https://www.gemelliadhd.it/wp-content/uploads/2020/07/cartina_footer.png
Sempre aggiornati!I nostri social links
Nella pagina FB Gemelli ADHD puoi trovare le ultime novità e nel nostro gruppo puoi interagire con professionisti ed altri membri.
Codice Fiscale92524520019
Associazione per i Disturbi da Deficit di Attenzione ed Iperattività, Disturbi Specifici dell'Apprendimento e Patologie Correlate: “Gemelli ADHD Aps”
Gemelli ADHDDove siamo
Il progetto è nato in provincia di Torino e collaboriamo con professionisti provenienti da tutto il territorio nazionale.
Territorio nazionaleProfessionisti italiani
https://www.gemelliadhd.it/wp-content/uploads/2020/07/cartina_footer.png
Roma
Milano
Torino
Sempre aggiornatiI nostri social links
Nella pagina FB Gemelli ADHD puoi trovare le ultime novità e nel nostro gruppo puoi interagire con professionisti ed altri membri.
Codice Fiscale92524520019
Associazione per i Disturbi da Deficit di Attenzione ed Iperattività, Disturbi Specifici dell'Apprendimento e Patologie Correlate: “Gemelli ADHD Aps”